Questo sito utilizza cookie per il funzionamento e la migliore gestione del sito. I cookie tecnici e di analisi statistica sono già stati impostati. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy. Proseguendo, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Moltissime chiese medioevali, specialmente le grandi cattedrali gotiche, furono concepite seguendo una simbologia numerica;
24, Giu 2020

Moltissime chiese medioevali, specialmente le grandi cattedrali gotiche, furono concepite seguendo una simbologia numerica; il Duomo di Colonia, per esempio, fu pensato sulla base del numero guida 7: ogni elemento architettonico presente (colonne, pilastri, cappelle, ecc.) appare un numero di volte pari a 7 o ad uno dei suoi multipli.

Pensate che lo stesso è accaduto per la nostra Basilica della Maddalena: essa è concepita e costruita sulla base del numero 3 e dei suoi multipli.

Gli edifici, dunque, hanno, da sempre avuto il compito di avvolgere e proteggere uno spazio sacro, di costituire il cardine tra la terra e il Cielo, di essere, insomma, per usare un’espressione moderna, delle star gate.

A conferma di quanto dicevamo, dal XI secolo in poi, sull’archivolto del portale di molte chiese o al loro interno, sono stati, spesso, riportati i segni zodiacali.

Tra le più note, ricordiamo le Cattedrali di Saint Homer, Saint Denis e Westminster.

Lungo il timpano della Cattedrale di Vezelay (inizio del XII secolo), poi, fu inserita una fascia di medaglioni raffiguranti Gesù ed i 12 segni zodiacali.

Tralasciamo questo, pur interessante, accostamento simbolico tra gli apostoli e i segni zodiacali, simbologia che, evidentemente, assegnava a Gesù il ruolo di sole.

Quello che vogliamo sottolineare è l’evidente legame tra astronomia e religione, legame che trova, secondo alcuni illustri studiosi, conferma nel fatto che moltissime chiese, in particolare, quasi tutte le grandi cattedrali gotiche, furono dedicate alla Madonna.

Il culto della Vergine, che appare incoronata da 12 stelle (come le costellazioni dello zodiaco), avrebbe, secondo loro, molti legami con gli antichissimi culti stellari che la religione Cristiana avrebbe conservato, dopo averli svuotati dei loro contenuti pagani.

Essi sostengono che quando il Cristianesimo divenne religione di stato, tutte le altre religioni furono bandite; tuttavia i culti di alcune divinità, quelli più profondamente radicati nel cuore delle popolazioni, sarebbero riusciti a sopravvivere.

Questo, in particolare, sarebbe il caso del culto della dea Iside, largamente diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo, cui il Cristianesimo avrebbe sovrapposto la devozione alla Vergine Maria.

A tal fine, si sarebbe cominciato a delineare, in maniera più, dettagliata la figura della Madonna, stabilendo, per esempio, la sua data di nascita, lo 8 settembre e quella della sua Assunzione in Cielo, il 15 agosto.

Ad ispirare la scelta di queste date sarebbe stato il fatto che lo 8 settembre del 2.000 a.C. avvenne il sorgere eliaco di Spica, la stella più luminosa della costellazione della Vergine, mentre il 15 agosto del 400 d.C., avvenne il suo tramonto eliaco.

Il sorgere eliaco corrisponde all’apparizione di una stella nella zona dell’orizzonte dove il sole sta per sorgere: si dice, quindi, ch’essa nasce e poiché ogni stella anticipa, ogni giorno, la sua levata, la si vedrà tramontare sempre più presto, finché il suo tramonto coinciderà con quello del sole ed essa naufragherà nella luce solare, scomparendo.

Si dice, a questo punto, ch’essa muore.

telefono:
014376600
indirizzo:
Via Crosa della Maccarina 13, Novi Ligure , Italy, 15067
Trasforma la tua Pagina Facebook in un Sito, istantaneamente.

Prova ora 12 giorni GRATIS

Nessuna carta di credito richiesta, cancella in qualsiasi momento. pagevamp.com

Chiamaci